E tu che lettore sei?

incedendo-sul-filo

Tempo fa ho completato un test psicologico destinato, di solito, alla canicola estiva per alleggerire la mente. L’argomento:

“Dimmi cosa leggi, ti dirò chi sei”

Un test, è risaputo, si esegue rispondendo alle domande, alla fine delle quali si  totalizza un punteggio che riporta a un profilo. Quel particolare test descriveva le tipologie di lettori e, seppur divertente, sembrava poco attendibile dal punto di vista scientifico. L’ho rielaborato, creando una personale versione dei profili. Ne è nato un articolo semiserio con alcuni paradossi. Lo scopo? Stimolare i lettori di Scrivere la vita a conoscersi meglio.

Ecco i dieci profili ipotizzati:

Primo profilo: Lo smarrito

Lo smarrito è colui che entra in una libreria in modo quasi clandestino, si guarda intorno con espressione interrogativa del tipo: “Che ci faccio qui?”. Per darsi un tono, tira fuori dagli scaffali dei volumi a caso, saltellando liberamente da “In cucina con zia Gerltrude” a ” Guerra e pace”. Legge scrupolosamente ogni quarta di copertina. Rimette con attenzione tutto a posto per non lasciare traccia del proprio passaggio  ed esce sperando di non imbattersi nel collega “rompiballe” pronto a fargli acquistare l’ultimo libro di Eco.

Secondo profilo: Il romantico

Il romantico è convinto che il primo libro sia come il primo amore. Il suo amore sviscerato va a un autore, di solito il primo che ha incontrato, e da allora attende con impazienza che esca ogni sua opera. Di cambiare non se ne parla, sarebbe come tradire il partner. Per rimanere fedele nei secoli, non legge alcunché e aspetta che la vena creativa del proprio scrittore-guru preferito si riaccenda.

Terzo profilo: Il caotico

Il caotico legge sei libri alla volta impilandoli in equilibrio precario sul comò e ne prende uno a sera, il primo che riesce ad afferrare. Peccato che al termine del tour de force a cui si sottopone, scambi un intreccio con l’altro, confonda i protagonisti, creando accostamenti arditi e improbabili.

Quarto profilo: Il secchione

Il secchione è lo stakanovista della lettura: non demorde fino all’ultima riga anche se sta leggendo un “mattone”, convinto com’è dall’infanzia che un vero lettore non abbandoni mai il libro che ha iniziato. E tra uno sbadiglio e l’altro, sottolinea, prende appunti, traccia frecce e asterischi. Con il lapis, naturalmente, perché, sostiene, un libro non si profana mai con l’inchiostro.

Quinto profilo: Il parsimonioso

Il parsimonioso non presta mai i suoi libri, del genere, “chiedetegli tutto…”. All’amico che osa domandargli un volume in prestito, racconta le bugie più fantasiose.  Farebbe di tutto per non separarsi dagli amati volumi che adornano le pareti della propria libreria. Al punto che, per dare un senso alle montagne di volumi accumulati, li trasforma in graziosi mobiletti dal gusto retro.

Sesto profilo: Lo scialacquone

All’opposto del parsimonioso c’è lo scialacquone che presta libri a chiunque. Spesso però il prestito si trasforma in donazione in quanto lo scialacquone non si cura di richiedere indietro il proprio libro, infatti non saprebbe “a chi domandare cosa”, tanti ne ha lasciati in giro. La sua unica premura è che il fortunato beneficiario non pieghi gli angoli  delle pagine  e per mettere bene in chiaro la cosa acclude al libro anche un segnalibro. Non si sa mai.

Settimo profilo: L’onnivoro

L’onnivoro è il lettore generalista. Legge di tutto, persino i necrologi se proprio non ha altro a disposizione. Non  predilige un genere in particolare, né ha un libro a cui legare il proprio cuore. Se gli si domanda della sua ultima lettura è capace di dirti “Uno nessuno centomila” come “Organizzare l’orto perfetto”. In fondo basta leggere, no?

Ottavo profilo: L’impegnato

La  biblioteca personale dell’impegnato pullula di libri di filosofia e di saggi storico- politici. Di narrativa non c’è traccia. Per non parlare del romanzo sentimentale o fantasy. Solo a sentirne parlare storce la bocca in una smorfia di disgusto ed è capace di far sentire l’interlocutore un pezzente culturale. Tutto al più tollera il genere giallo, anche se evita di mettere i tre o quattro titoli che possiede in bella vista. Meglio evitare commistioni fuorvianti.

Nono profilo: Il bibliofilo 

Il bibliofilo approfitta di ogni sagra per aggirarsi tra le bancarelle dell’usato alla ricerca di piccoli tesori dimenticati. Del libro ne ammira la copertina, meglio se in pelle e a caratteri d’oro, ne annusa le pagine  e dall’espressione contemplativa che assume, si percepisce che sono tutta la sua vita. Della serie: non potrebbe mai vivere senza.

Decimo profilo: Il lettore- tisana

Il profilo tisana riguarda i lettori dell’ultima ora, nel senso letterale del termine. Nella loro vita vi sono due punti fermi: la tisana e una bella paginetta di un libro prima di dormire. Di solito compiono “il rito” sotto le coperte, tanto per chiudere in bellezza la giornata caotica. Peccato che da anni il “lettore – tisana”  non proceda oltre la prima riga della prima pagina del solito libro. Conclusione: per terminarlo gli occorrono tempi ciclopici ed ettolitri di tisana al biancospino.

Termino la rivisitazione dei profili del lettore ma potrei continuare a lungo. Le piccole manie, le stereotipie comportali che noi lettori maturiamo fin dall’infanzia sono infinite e poterle passare sotto la lente d’ingrandimento è un vero spasso. E voi che lettori siete?

Rispondete nei commenti all’articolo, aggiungendo magari una versione dei profili dal vostro punto di vista. Se la nostra versione v’ispira un articolo, condividetelo con Scrivere la vita. Non vedo l’ora.

Views All Time
Views All Time
Views Today
Views Today
Avatar for rosalia pucci

Info su rosalia pucci

La gente che piace a me si trova sempre sparsa qua e là; sono dei solitari... solo che si riconoscono non appena si trovano assieme

11 risposte a E tu che lettore sei?

  1. Sicuramente mi rispecchia il terzo profilo: il lettore caotico! Ho veramente il comò pieno di libri in precario equilibrio! 😀 ma fortunatamente riesco a non far casino con le trame!

  2. Ci siamo sincronizzate bene con l’argomento, vero? Anch’io ieri ne ho parlato sul blog. Forse, dopo avere tanto discusso di scrittura, viene voglia di tornare alle origini, cioè al godimento delle storie altrui. Abbiamo iniziato tutti così, no? Io oscillo tra le categorie caotico e onnivoro, più o meno. 😉

  3. Avatar for rosalia pucci Lisa Agosti scrive:

    Che bel post! Non mi ritrovo in nessuna categoria in particolare, quindi immagino di essere caotica nella mia scelta dei libri. Li presterei volentieri, ma sono quasi tutti e-book 🙂

  4. Avatar for rosalia pucci rosalia pucci scrive:

    Ciao Lisa. Sì,prestare gli e-book è un problema.
    Io ho mezza libreria personale sparsa per il mondo. Ma sono
    felice di prestare i miei libri. penso che sia un piccolo
    contributo per divulgare l’amore per la lettura.

  5. Ciao Rosalia, io sono una lettrice particolare, nei vari momenti della mia vita amo settori diversi di scrittura e rifuggo tutti gli altri! Esempi? Solo libri gialli, solo libri storici, solo libri di psicologia, solo libri di informatica, solo libri di psicanalisi, solo libri di dietologia, solo libri economia, solo libri di filosofia, solo libri di saggistica. Esaurito l’interesse per l’argomento passo oltre…

  6. Avatar for rosalia pucci rosalia pucci scrive:

    Ciao Cristiana, sei decisamente una lettrice onnivora.
    Curioso il particolare della settorialità. A me è capitato di
    vivere un’esperienza simile nell’ambito della narrativa: per lunghi
    periodi mi dedicavo solo a un autore e di altri non ne volevo sentir
    parlare. :))

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.